Champagne Gaston CHIQUET

La vigna, fonte di qualità del vino

La potatura e l’allacciatura

La vigna è una liana, la potatura limita la sua crescita in legno. Rinnova i più giovani sarmenti fruttiferi. Controlla la produzione e migliora la qualità del frutto.Sulle 5 varietà di potatura ammesse nella Champagne, noi pratichiamo le unici ammesse nei Premiers Crus e i Grands Crus :
la potatura "Chablis" e la potatura "Cordon de Royat".
La potatura fa parte dei lavori invernali. Iniziamo a novembre per finire nel mese di marzo, con una sosta durante i grandi freddi.
L’allacciamento dà la forma ai viti potati. Il vignaiolo lega i sarmenti ai fili metallici che mantengono i viti. Il lavoro di allacciamento o « lierie » si finisce ad aprile, dopo la potatura.

La spollonatura

I numerosi rami improduttivi, i succhioni, che appaiono sopra il ceppo in maggio, vengono tolti : si parla dell' ébourgeonnage (la spollonatura).

Il sollevamento e il palizzamento

I viti cresciano velocemente e i fili che mantengono i sarmenti devono essere sollevati in modo regolare in maggio e giugno per cingere i rami. A giugno e luglio, i rami sono bene sistemati per favorire la maturità e evitare il marciume. I fili vengono tenuti con delle agrafe : si tratta del palizzamento.